mercoledì, novembre 23, 2005

Clean Up Courts!

Vorrei pronunciarmi in merito all'iniziativa di Beppe Grillo intitolata "Parlamento Pulito".
Sicuramente e' singolare che ben 23 parlamentari italiani siano stati condannati in via definitiva. Come e' singolare che la grandissima maggioranza di essi siano di centro-destra.
Caro Grillo, la sua iniziativa e' lodevole ma si ricordi che in Italia per fortuna la Sovranita' appartiene ancora al Popolo (Art. 1 Cost.). Quello che lei vuole e' una sovranita' giudiziaria!
Se gli italiani vogliono eleggere una persona che e' stata condannata gli lasci fare, perche' e' un loro diritto!
E poi scusi, siamo franchi, che differenza c'e' tra uno ha rubato e viene scoperto e uno che ha ugualmente rubato ma non e' stato scoperto (o non si e' voluto scoprirlo)?

«Questa pagina è stata finanziata da migliaia di cittadini italiani per scoprire se esista un altro stato in qualche parte del mondo in cui 23 membri del parlamento sono stati condannati per una serie di reati e sono ancora autorizzati a sedere in parlamento e rappresentare i loro cittadini», si legge a pagina 7 dell'Herald Tribune.
«Se un Paese come questo esistesse, noi italiani vorremmo proporre un gemellaggio. Se non ci fosse un simile stato o Paese, chiediamo al mondo di aiutarci a capire perché 23 parlamentari italiani, già condannati penalmente dal sistema giudiziario italiano e i cui reati sono registrati nel mio blog www.beppegrillo.it, siedano nel parlamento italiano ed europeo».

Ora caro Grillo ci speghi lei in quale altro paese i magistrati (non eletti dal popolo) difendono il loro diritto ad avere contemporaneamente più di una lealtà: Quando Elena Paciotti lascia la presidenza dell'Anm per diventare parlamentare europeo nelle liste ds, non avverte il senso di una contraddizione o di un conflitto. Quando un magistrato di Napoli decide di prendere parte a una manifestazione di no-global, dimostra di non avere dubbi e scrupoli di coscienza. Quando Felice Casson, procuratore di Venezia, assiste a un congresso di Rifondazione comunista e si dimette per candidarsi il giorno dopo alla carica di sindaco, è in pace con se stesso. Il Consiglio superiore della magistratura non ritiene che queste scelte, finché non saranno proibite dalla legge, siano deplorabili, e noi siamo tutti felici che i custodi del diritto non abbiano commesso un reato. Ma nessuno potrà impedirci di dire sommessamente, parafrasando Giosue Carducci, che questa Italia dei cugini non ci piace.

E mi spieghi anche perche' in perfetta contaddizione con la ratio legis dell'art 98 Cost. esistono in Italia correnti politiche all'interno della magistratura?

A questo proposito, visto che lei ha sempre voglia di fare, le propongo di promuovere una nuova iniziativa che si pottrebbe intitolare "Tribunali Puliti!".

1 Comments:

Blogger Adriana - Redazione Radio Alzo Zero said...

Questa sera alle ore 18 (con replica alle 22) all’interno della rubrica “Parola di Blogger” leggerò alcuni post sull’iniziativa di Beppe Grillo “Parlamento Pulito”. Avendo trovato il tuo molto interessante, ho deciso di leggerlo in trasmissione. Se vuoi ascoltarlo devi sintonizzarti su www.radioalzozero.net, la radio solo sul web. Ti ricordo inoltre che è attivo il nostro blog al sito www.razblog.net, per comunicare con noi.
Ciao e Grazie
Adriana - Redazione di radioalzozero

4:32 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home