venerdì, marzo 10, 2006

Feltri voti i Salmoni

In un articolo de Il Foglio intitolato la Fronda di Feltri, Christian Rocca (Camillo) intervista Vittorio Feltri, l'argomento principale e' l'outing di Mieli ma di temi ne vengono trattati vari.
Tra le varie dichiarazioni del direttore di Libero ne vengo attratto da alcune che qui' vi riporto:
"Qui non c'e' da turarsi il naso, qui c'e' da turarsi tutto quello che c'e' da turare e votare Polo, nonostante Forza Italia sia l'unico partito leninista del mondo occidentale e malgrado il centro-destra non sia riuscito ad esprimere un governo liberaldemocratico". "Contro Berlusconi andrei ogni due minuti: avrebbe dovuto fare un governo liberale ma gli ordini professionali non sono stati aboliti, i titoli di studio continuano ad avere valore legale, i reati commessi a mezzo stampa sono ancora perseguiti penalmente... questo non e' un governo liberale". "Avrei votato Fini perche' mi erano piaciute le sue posizioni sul Referendum, sugli Immigrati e su Israele, ma su Calderoli s'e' calato le braghe. Sono indeciso tra Forza Italia e Lega".

Premetto che non sono un lettore abituale di Libero.
Leggendo queste dichiarazioni emerge che per Feltri, come in realta' anche per molti Tocquevillers, Berlusconi e' troppo poco liberale, parla parla ma poi quando si passa ai fatti di riforme veramente liberali ne ha fatte relativamente poche (o meglio ha fatto meno di quello che avrebbe potuto fare e meno di quanto molti dei suoi elettori si aspettavano dal suo governo).
Feltri ha apprezzato le posizioni di Fini su Referendum (3 si ed 1 no) e su Israele. Dice di essere indeciso se votare Forza Italia o Lega. Tutti sanno che i rapporti che intercorrono tra lui e la Fallaci sono piu' che buoni come anche tutti sanno come i leghisti ammirino la Fallaci.

Ora proviamo ad analizzare brevemente come la pensano i Riformatori Liberali - Radicali per le Liberta' il cui motto e' "America , Mercato e Individuo":
Benedetto Della Vedova insieme ad altri radicali ha deciso di non seguire Panella per diventare l'ultimo giapponese di Prodi. Le motivazioni sono semplici: sui temi economici, di politica estera e giustizia i RL si trovano totalmente in disaccordo con l'Unione catto-comunista di Prodinotti (un centrosinistra dominato culturalmente e politicamente dalla quintessenza di quanto i radicali hanno denunciato in tutti questi anni: lo statalismo, la sindacatocrazia, il partito dei giudici e i giudici di partito, l’ambientalismo ideologico ed illiberale, l’antiamericanismo esplicito e strisciante, la difesa ottusa di un’Europa burocratica con il mito sovietico della standardizzazione...), nella maggior parte dei casi invece vi e' siontonia con la CdL, e' pero' evidente che anche nella CdL esistono correnti stataliste e il ruolo dei salmoni vuole proprio essere quello di lievito riformatore e liberale che faccia prevalere all'interno del Polo il pensiero liberale a quello statalista. Si puo' quindi dire che su questi tre temi Feltri condivida le posizioni dei Salmoni. Per quanto riguarda Laicita' e Bioetica si sa gia' come la pensano i RL. Se Feltri ha apprezzato i Si di Fini dovrebbe apprezzare anche i Salmoni (che al contrario di Panella sono laici, non anticlericali). Feltri ha criticato Fini per il suo comportamento sul caso Calderoli, ricordo soltanto che alla 2' assemblea dei RL sulla parete vi erano affisse la bandiera danese e il volto di Theo Van Gogh. Come dicevo Feltri ha criticato il Governo Berlusconi per non aver fatto sufficienti riforme liberali, le stesse critiche vengono mosse dai RL. Egli sotiene che probabilmente voterebbe Fini (AN) o Lega, ma sarebbe da stupidi pensare che se questo governo non e' riuscito a fare la tanto sperata rivoluzione liberale la colpa sia soltanto del Cav. (e non mi riferisco solo all'UDC).

In conclusione se Feltri vuole votare qualcuno della CdL, questo qualcuno sono i Riformatori Liberali, perche' non si puo' negare che sia il partito che (per lo meno da quanto emerge da questa intervista) si avvicini di piu' al suo pensiero.
E se cosi' fosse mi permetto anche di dire che un'po' di attenzione in piu' da parte del suo giornale all'attivita' dei salmoni non farebbe di certo male!

3 Comments:

Blogger John Christian Falkenberg said...

Hai perfettamente ragione! Soprattutto per quanto riguarda lo spazio da dedicare ai Salmoni ;-)
Ho sempre apprezzato Feltri, anche se talvolta condona comportamenti un po' troppo sopra le righe. Ma si tratta di un peccatuccio veniale, da parte di uno dei miei conterranei preferiti

2:03 PM  
Anonymous Elena said...

ma fatevi i fatti vostri! Feltri vota chi vuole! :)

ps: FORZA LEGAAAAA!!!!!!!!!

5:36 PM  
Blogger Tudap said...

Cara Elena, ci mancherebbe altro.
Feltri e' ovviamente libero di votare chi vuole. Io ho semplicemente sostenuto che le sue dichiarazione sembrano provenire dalla bocca di quello che potrebbe essere il tipico elettore dei Riformatori Liberali.

5:12 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home