sabato, maggio 27, 2006

Forza Italia lancia il referendum per abolire l'Ici

"Domani (ndr, ieri, probabilmente da Treviso), proprio a partire da questo Nord-Est tradito dai primi atti di Prodi e del suo Governo, insieme all'onorevole Sandro Bondi lancerò una raccolta di firme per un referendum di iniziativa popolare per l'abolizione dell'Ici sulla prima casa».Maurizio Sacconi , senatore di Forza Italia già sottosegretario del Governo Berlusconi, ieri a Belluno per sostenere la candidatura di Celeste Bortoluzzi a sindaco della città, lancia proprio dal capoluogo bellunese l'idea che riprende a sua volta la proposta fatta da Silvio Berlusconi l'ultimo giorno della campagna elettorale, dagli schermi di Rai Uno.
Non un caso, sicuramente, che Sacconi abbia scelto Belluno. Perché era stato proprio il candidato Celeste Bortoluzzi a rilanciare e a fare propria l'idea del Cavaliere e ad annunciare che, nel caso diventasse sindaco, cancellerà l'Ici sulla prima abitazione. Una proposta che aveva suscitato polemiche e distinguo da parte degli altri tre candidati a guidare la città di Belluno nei prossimi cinque anni.
«L'Ici sulla prima casa è un balzello ingiusto ed iniquo perché tassa un reddito che non c'è» ha proseguito Sacconi, ma l'idea dell'abolizione dell'Ici interessa soprattutto i Comuni: «L'iniziativa sull'Ici che lancerò insieme a Bondi è un tema che riguarda gli enti locali che da qui in avanti dovranno occuparsi ancor più di prima di lavoro e sviluppo».
Ma Sacconi guarda al voto delle amministrative con spirito particolare, come ad una prima verifica all'operato del Governo in carica e presenta il «voto di domenica come un primo grande sondaggio su questo Governo che ha dimenticato le istanze del Veneto e le sue persone: nell'esecutivo infatti non ci sono rappresentanti di questa Regione e i primi passi, cioè le prime dichiarazioni e intenzioni su opere pubbliche, infrastrutture e altro, dimostrano che questa terra è già stata e sarà dimenticata dal nuovo Presidente del Consiglio».
Un concetto, quello del Veneto e della montagna abbandonati dal nuovo Governo, ribadito anche dall'on. bellunese Maurizio Paniz: «Il governo Prodi ha tradito non solo il Veneto, ma la montagna: il sottosegretario con questa specifica delega, tanto sbandierato dagli uomini dell'Ulivo in campagna elettorale, rimarrà una promessa elettorale disattesa come quella che in Parlamento ci sarebbero stati tre candidati bellunesi in più: uno schiaffo alla montagna!»

3 Comments:

Anonymous ispirati said...

non sono d'accordo. scusate ma questo mi sembra molto vicino al populismo.
un referendum per l'abolizione di una tassa non esiste.

10:56 AM  
Blogger Tudap said...

E invece no, se si tratta di una tassa ingiusta come quella dell'Ici sulla prima casa (non colpisce alcun reddito).E poi non si tratta di una proposta assurda visto che Brunetta e gli altri avevano già fatto i loro calcoli e avevano visto che la sua eliminazione è tutt'altro che impossibile.
Inoltre non è un referendum abbrogativo (anche perchè sarebbe incostituzionale)bensì una proposta di legge di iniziativa popolare, che quindi può essere accolta come no.
Tu mi dirai ma la proposta la possono fare benissimo i parlamentari della CdL, è vero, ma avrebbe un peso completamente diverso.

12:03 PM  
Blogger Tiziano Tescaro said...

Complimenti per il vostro interessante blog. Anche sul mio stò trattando un post sull’abolizione dell’Ici sal titolo “LA TRAPPOLA DELL’ABOLIZIONE ICI” ho in programma anche di realizzare delle interviste. Buon pomeriggio da Tiziano

9:26 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home