martedì, giugno 13, 2006

Prima condanna italiana per diffamazione via Blog

INTERNET: PRIMA CONDANNA ITALIANA PER DIFFAMAZIONE VIA BLOG
(AGI) - Torino, 27 mag. - Prima condanna italiana per diffamazione via Blog. E' quella decisa dal tribunale di Aosta, (giudice, Eugenio Gramola, pubblica accusa, Stefania Cugge 'caso Cogne') nei confronti di un giornalista pubblicista, Roberto Mancini, ex vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti della Valle d'Aosta accusato di diffamazione per i testi apparsi su un blog attivo da poco piu' di un anno. Il blog (www.ilbolscevicostanco.blogspot.com) ha fatto registrare in 15 mesi oltre 85.000 contatti. Mancini, chiamato davanti al giudice da alcuni giornalisti che avevano esposto querela per diffamazione contro ignoti non ha saputo negare la sua estraneita' al blog e sopratuttto all'autore, il sedicente generale Zucov. L'avvocato di Mancini ha annunciato che presentera' ricorso.

(AGI) Cli/Vai 271709 MAG 06 Apc-INTERNET/ GIORNALISTA CONDANNATO PER DIFFAMAZIONE TRAMITE BLOG Aosta, 26 mag. (Apcom) - Roberto Mancini, 49 anni, giornalista pubblicista di Aosta è stato condannato dal giudice monocratico Eugenio Gramola al pagamento di una multa di 3mila euro, delle spese processuali e legali e ad una previsionale di 1.500 euro per ognuna delle parti querelanti per l'accusa di diffamazione a mezzo blog. Mancini è stato infatti considerato come responsabile del blog anonimo www.ilbolscevicostanco.blogspot.com che dal febbraio 2005, con il nick di "Generale Zhukov" critica prevalentemente l'attività di politici e giornalisti valdostani e che ha recentemente superato gli 80mila accessi totali. Oggi si è tenuta l'udienza del procedimento nato dopo che, nel novembre del 2005, erano state presentate alla Procura di Aosta quattro denunce per diffamazione firmate da giornalisti e da un gestore di siti web. La difesa, rappresentata dall'avvocato Katia Malavenda di Milano, legale di fiducia dei giornalisti del "Corriere della Sera", ha annunciato il ricorso in appello: «bisognerebbe capire su che basi Mancini è stato giudicato essere "Zhukov" - ha spiegato alla fine dell'udienza - e questo lo leggeremo nelle motivazioni che avremo entro quindici giorni. La mia esperienza nel settore specifico, evidenzia che, di norma, le cause di diffamazione partono da multe di cinquemila euro, con risarcimenti molto più alti. E' chiaro che il giudice ha ritenuto minimi i contenuti diffamatori attribuibili al mio cliente«. Nel corso dell'indagine, coordinata dal pubblico ministero aostano Stefania Cugge, a Mancini erano stati sequestrati il suo computer personale oltre a vario materiale che gli inquirenti ritengono riconducibile alla redazione del blog e documenti riguardanti alcuni iscritti all'Ordine valdostano dei giornalisti, di cui Mancini era stato vicepresidente.

VdA GIORNALISTI: CONDANNATO R. MANCINI PER DIFFAMAZIONE CON BLOG ACCOLTE RICHIESTE DEL PM, 3.000 EURO PIU' RISARCIMENTO PARTI (ANSA) - AOSTA, 26 MAG - Il giudice monocratico Eugenio Gramola, accogliendo le richieste del pm Stefania Cugge, ha condannato il giornalista-pubblicista Roberto Mancini, di Aosta, accusato di diffamazione in merito ai contenuti del blog 'Il bolscevico stanco'. L' ex vice presidente dell' Ordine dei Giornalisti dovra' pagare 3000 euro piu' le spese processuali e legali. Inoltre il giudice ha stabilito una previsionale di 1.500 euro per ognuna delle tre parti che si sono costituite. La difesa di Mancini ha annunciato ricorso. L' inchiesta e' stata avviata dalla Polizia Postale di Aosta dopo che quattro giornalisti avevano depositato altrettanti esposti contro l' anonimo autore del blog perche' si erano ritenuti diffamati. Nel corso dell' indagine, coordinata dal pm Stefania Cugge, nei locali nella disponibilita' di Mancini, sono stati sequestrati un computer, materiale vario riconducibile al blog e documenti riguardanti alcuni iscritti all' Ordine dei Giornalisti. Il sito, a meta' febbraio, come riportato dal blog, aveva registrato piu' di 55.000 contatti.

5 Comments:

Anonymous watergate said...

Mmm, è una lama a doppio taglio. Da un lato si dà autorevolezza al blog, certificandolo come strumento pubblico, dall'altro si entra nel merito della libertà di opinione. Ma conta più il primo aspetto, al di là del reato contestato.

11:14 PM  
Anonymous aa said...

nota informativa: non ho tempo di andare alla summer school di magna carta. Mi dispiace perchè avrei potuto conoscere un po' di gente che la pensa come me, ma devo fare troppe cose, non ultima sistemarmi a londra per un anno... dove mi attente un corso un po' più complicato della summer school.

Cmq, in quei giorni potrei essere a roma, se tu sei lì ci si vede con gli altri di ideazione per una pizza.

a presto, a(ndre)a :)

10:08 PM  
Blogger Tudap said...

Direi che Londra è degna di avere precendenza :-)

Complimenti per lo studio sull'economia sovietica degli enti locali, ma tu non eri specializzato in relazioni internazionali? ammazza quante ne sai!

Per Roma la vedo dura

2:43 AM  
Anonymous aa said...

diciamo che bisogna saperne un po' delle cose che contano. Io ho studiato sci.pol con specializzazione in economia internazionale. Quindi di fatto ho studiato entrambe le cose. :)

aa

ps: di che citta' sei? (risp da me, qui ho duemila cose da fare e il rischio e' che non trovi piu' il post) :)

12:33 PM  
Blogger Antonio P. said...

secondo me è un reato d'opinione....si crea un precendente pericoloso...

io vedo solo l'aspetto negativo di questa condanna...

nn so voi....

2:09 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home