giovedì, agosto 31, 2006

Forza Italia lancia la campagna del Nord

Non si può governare contro il Nord. Sarebbe stato più esplicito togliere il punto interrogativo al titolo ("Si può governare contro il Nord?") del sesto convegno di Forza Italia del Veneto a Cortina che si svolgerà dal 15 al 17 settembre prossimi al Palavolkswagen con tanto di annunciato intervento finale di Silvio Berlusconi. La presentazione dell'evento, avvenuta ieri a palazzo Ferro Fini (sede della Regione Veneto) da parte dei consiglieri regionali di Forza Italia Remo Sernagiotto e Leonardo Padrin, storici organizzatori dell'appuntamento di fine estate, ha già fugato ogni dubbio sulle risposte che usciranno dalla tre giorni cortinese che da quest'anno è stata inserita nel calendario del coordinamento nazionale del partito a seguire le giornate di Gubbio.

«Ovviamente si tratta di un interrogativo retorico - ha premesso la coppia di azzurri - perchè nessun Governo può governare senza la cassaforte, senza le due regioni motore del Paese: il lombardo-veneto sono le due locomotive d'Italia». «Esiste una difficoltà obiettiva, un problema - ha aggiunto Padrin - Un centrosinistra pur qualificato come quello veneto è rimasto escluso dal Governo e il nostro obiettivo di forza di opposizione è quello di rappresentare le categorie produttive del Nord». «Il Governo non è partito bene - gli ha fatto eco Sernagiotto - in quanto l'annunciata lotta all'evasione fiscale intende colpire solamente chi non li ha votati». «Sia ben chiaro che non vogliamo difendere chi non paga le tasse - ha spiegato meglio Padrin - ma di rimettere in discussione norme giuridiche che criminalizzano certe categorie economiche del Paese. Un Governo dovrebbe avere un progetto complessivo di politica dei redditi e di politica fiscale».

Insomma, poichè l'incontro di Forza Italia nella "perla delle Dolomiti" avviene per la prima volta con la Casa delle libertà all'opposizione è evidente che bisognava registrare il tiro. Si parte venerdì sera con "microfono aperto" l'ormai tradizionale "sfogatoio" nel corso del quale, entro tempi rigidi, ogni iscritto ha il diritto di dire quel che pensa senza peli sulla lingua. Il programma vero e proprio comincia sabato mattina con la presentazione del convegno da parte del coordinatore regionale Niccolò Ghedini, cui seguirà la prima delle quattro tavole rotonde su "La sussidiarietà nelle politiche regionali", cui seguirà quella su "Dal messaggio del Patriarca, l'impulso a investire nel capitale umano" mentre nel pomeriggio si prosegue con la discussione su "Spesa regionale e federalismo fiscale" e su "Tasse e sviluppo tra decreto Visco-Bersani e legge finanziaria".

Il piatto forte, naturalmente, è riservato alla mattinata conclusiva di domenica quando il senatore Maurizio Sacconi, l'europarlamentare Amalia Sartori, il vicecoordinatore nazionale Fabrizio Cicchitto, il coordinatore Sandro Bondi, il governatore Giancarlo Galan e il presidente del partito Silvio Berlusconi si confronteranno su "Questione settentrionale, questione nazionale". «Andremo tutti dietro al nostro presidente sulla riforma federalista - ha anticipato Sernagiotto - Da Cortina rilanceremo l'iniziativa legislativa e referendaria del presidente Galan che puntando sugli articoli 116 e 119 della Costituzione rivendica al Veneto autonomia e federalismo fiscale. A Cortina diremo forte e chiaro che siamo tutti con il nostro presidente: il nostro obiettivo è arrivare a negoziare con Roma non la quota di finanziamenti di nostra competenza, ma la quota del proprio gettito fiscale che il Veneto è disposto a trasferire al riparto nazionale». «Uscirà un ulteriore contributo alla discussione in atto - ha aggiunto Padrin - ma non proposte nuove rispetto a quelle che sono già in cantiere. Vogliamo rendere esplicita a tutti una necessità, una spirale virtuosa che deve essere condivisa da ogni forza politica».

Le camere prenotate negli alberghi di Cortina sono già 300, ma i partecipanti sono stimati in quasi 1.500. Tra i big del partito annunciati l'ex ministro Pisanu, l'europarlamentare Brunetta, i senatori Alberti Casellati, Bonfrisco, Quagliarello, Scarpa, Zanettin, Cantoni, Vegas, i deputati Gardini, Milanato, Aprea, Craxi, Lupi, Adornato, Campa, Destro, Fini, Zorzato, Fratta Pasini, oltre alla quasi totalità dei consiglieri regionali. A moderare le tavole rotonde i giornalisti Maurizio Belpietro, Oscar Giannino, Gianluca Versace, Fabio Fioravanzi.

Giuseppe Tedesco

Il Gazzettino

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home